Ho messo il mio cazzo nella sua piccola figa


ho messo il mio cazzo nella sua piccola figa

La cosa però non passa, continua a peggiorare e io mi tchat coquin solo sento sempre più male.
Tra ragazze, parlando, di certo chat almeria solo per il sesso aveva saputo della tecnica del bacio alla francese ma, sicuramente non laveva mai provato; Però fece presto ad imparare, già al secondo round, la sua linguetta rispose alla mia schermando fra ansiti e tremori; Piacere indescrivibile.
La guardo, ha il viso di mille colori, ansa ma mi sorride ed è quella la cosa più importante; Con la stessa mano che lha fatta godere, le faccio una bella carezza sul viso, prima però ho voluto assaporare il profumo della sua fichetta.Che figa ciacciosa e larga.Con lei, se hai letto il mio racconto, c'era stato un breve incontro in precedenza, durante il quale avevo solo potuto constatare che aveva un solco di chiappe molto profondo, nel quale strusciare il cazzo è poesia e, non so tu, ma io l'ho fatto.Io sono eccitato al parossismo; Le prendo una manina e la guido giù, lei si lascia guidare; Quando tocca il mio sesso rischio linfarto cardiaco; Glielo faccio impugnare, lavvio per la sega; Stacco la mia mano, lei si ferma; Dopo avergliela ripresa, le sussurro.Tanto, tanto tanto -Ripetè tre volte donandomi altrettanti baci e sempre sulle labbra; Di impeto strinsi ai fianchi il suo esile corpicino; Il cuore mi stava scoppiando; Mi dette ancora qualche bacetto, lultimo lo fece sostare per alcuni secondi sulla mia bocca; Le fissai gli.La cosa non finì lì, perché poi fino alla fine delle vacanze con ambedue le mie bambine, indugiavo a giocare e, fra spruzzi e risate ne approfittavo a palpeggiare i loro corpicini in fiore ottenendo, ovviamente, considerevoli erezioni fortunatamente nascoste dallacqua.Anche le sere successive quando ero solo in salotto e la mia piccola veniva a prendersi il bacio della buona notte, poi tornato a letto, mia moglie beneficiava delleccitazione mentale creata dalla mia piccolina.Certo, Certo- risposi -e vedrai che un giorno lo farai anche te Non credo proprio Ma dai sciocchina non è mica velenoso saiun giorno te lo farò sentire.Lei ti chiamò in mia presenza e ti disse che si sarebbe attardata un po' a far chiacchiere con una vostra amica e con sua cugina.Elisabetta cinse al collo con un braccino il suo papà che le sta accarezzando la fresca carnina delle cosce; Che meraviglia, lisce come il velluto, sode di gioventù, tepide; Mia figlia ha già un corpicino che vale un tesoro.Non è responsabile dei contenuti in esso scritti ed è contro ogni tipo di violenza!Mio Dio che bella la mia piccola.Dopo un breve silenzio.Ebbene Massimo, non ci conosciamo affatto e pure di vista io ti conosco benissimo.Quella sera ci addormentammo molto, ma molto tardi.Bravabrava, cosìsì così così le alitavo in bocca; Lei volle vedere la sua opera, si curvò impedendomi così di baciarla.Le mie avide mani corsero a pascersi del perfetto corpicino della mia bambina; Le palpai le coscette e il culetto, il liscio pancino e su su sotto la camicetta a vellicare le puntine delle nascenti tettine; Col cuore ero in Paradiso, col cazzo ero allinferno.Papà ciao mi salutò così il mio amore Stai lavorando?


[L_RANDNUM-10-999]
Sitemap