Chat devi leccarmi i piedi


Lory mi prese sotto braccio sino allauto.
Dal bagno mi ordinò di filare nel mio letto, che la punizione era finita.
I dominatrice francese cam tre muratori vennero spesso a sollazzarmi con me per intere notti, ripetendo tutte le punizioni, senza ometterne alcuna, e si eccitavano e soddisfacevano immensamente, insieme a mio padre, sempre di più.Collaltro piedone enorme mi stava obbligando, premendomelo sulla testa, a leccare e lumare tutto lo sporco dei suoi piedi ed ad inghiottire tutto a dovere; era Prepotente, Padrone e violentissimo!Sono tanto felice amore mio, dammi un bacio.Si anche se non lo so cosa si prova a scopare, adesso conosco solo le inculate.Gli altri due muratori avevano pressappoco la stessa età di mio padre, erano tutti e tre sposati, molto volgari e maschi, portavano degli scarponi da lavoro molto sporchi e usati, e seduti in soggiorno, fumavano come turchi, giocavano a carte e raccontavano le loro volgari.Lei credeva che volevo un bacio sulla guancia, come avvicino la bocca a me rapido la baciai sulla bocca, resto sorpresa, non capi cosa stava succedendo.Sono una donna molto calda e mi piace il cazzo.Prese dei vestiti sia per lei che per mia sorella, scelse per me, io restai in disparte non capivo nulla di vestiti e misure.Foto non ne mando!Si padrona, sarò una brava schiava padrona, te lo giuro.Si e vero scusami non resistevo più, il desiderio di baciarti e tanto.Se non era vero mi sarei preso una sberla e chi sa che altro.Vi sorprende che una mistress sia interessata ai piedi?Annuisce, la bacio su una guancia con la lingua, mi accorgo che qualche lacrima le sta rigando il volto, sesso dal vivo, centro, sp sorrido, è quello che voglio, lentamente le libero la bocca, un filo di saliva le inumidisce le labbra.
Restai nudo, mi fece distendere sul letto, anche papa e mia sorella si misero nudi.
Lei inizio a parlare una lingua a me sconosciuta non capivo nulla Sara te la senti di fare tutto quello che ci vuole come sai sono allinizio e non so come finirà.





Poi col piedone mi stuzzicò il pisello: lo premeva, lo spingeva in sotto, lo tastava, si divertiva a farlo dondolare come un campanello, cercava di spezzarlo, lo masturbava tra i diti, in su e giù a suo piacimento, cosicché presi coraggio, e gli misi.
Oggi viviamo, un bellissimo sogno damore, siamo felici, e ricchi, ho realizzato la promessa, che gli avevo fatto.
Come me la mise davanti sbattendo i piatti nervosa, si inginocchio, tiro fuori il cazzo senza leccarlo un po per inumidirlo se lo prese in bocca.

[L_RANDNUM-10-999]
Sitemap